Skip to content

Stare SEDUTI è peggio che FUMARE?

novembre 25, 2013 - ALLENAMENTO, BENESSERE

Domenica pomeriggio mentre leggevo la rivista “RUNNER’S” il titolo di questo articolo ha subito catturato la mia attenzione…“Stare seduti è peggio che fumare?”

Se ricordi, 5 settimane fa ti ho già parlato di come migliorare la tua postura stando seduto. Però l’articolo che voglio condividere con te oggi è davvero interessante, diciamo un approfondimento “pratico” sull’argomento!

Più di un sondaggio riporta che negli Stati Uniti tre persone su quattro di coloro che lavorano a tempo pieno davanti a uno schermo, preferirebbero non stare seduti tutto il giorno. Infatti un numero sempre più crescente di aziende, come ad esempio Google, Groupon, Nike, Disney, MTV dà la possibilità di sostituire le scrivanie e le sedute tradizionali con postazioni di lavoro che permettono loro di stare in piedi.

Perché stare seduti potrebbe nuocere alla tua salute?

  1. Restare seduti a lungo rallenta la circolazione nel cervello, influenzando negativamente la creatività e l’umore.
  2. Stare seduti a una scrivania indebolisce i muscoli della schiena e provoca un irrigidimento di quelli del busto.
  3. Alcuni muscoli delle gambe contengono enzimi che tengono sotto controllo i grassi nel sangue. Ma restano inattivi se si sta seduti a lungo, contribuendo ad aumentare il rischio di malattie croniche.
  4. Il comportamento sedentario è stato correlato a diverse forme di cancro: seno, colon, polmoni e prostata.
  5. Stare seduti anche solo 20 minuti su una sedia aumenta la rilassatezza dei legamenti spinali. Stare seduti scarica la spina dorsale ed essenzialmente mette i muscoli a dormire. Può essere necessaria anche una buona mezzoretta perché la spina riguadagni la sua normale rigidità.
  6. I muscoli dei glutei (in particolare il gluteo medio) si allungano se si resta seduti a lungo e questo interferisce con la loro capacità di contrarsi efficacemente e di stabilizzare il bacino mentre si fa attività fisica.
  7. Quando ci si parcheggia sua una sedia, i flessori dell’anca s’irrigidiscono, riducendo l’ampiezza del movimento e togliendo alle anche la capacità di aprirsi, di controllare le ginocchia e di produrre energia.

Da una ricerca del 2012 pubblicata sull’ International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity, risulta che le persone trascorrono in media 64 ore alla settimana sedute, 28 ore in piedi e 11 ore in giro (compresa l’attività fisica). Questo significa stare seduti più di 9 ore al giorno, che si pratichi o non attività fisica. La cosa sorprendente quindi è quella che persino il massimo livello di esercizio fisico non influenza il tempo trascorso stando seduti. Anzi le persone sono meno attive del 30% nei giorni in cui praticano attività fisica, forse perché pensano di essere stati sufficientemente attivi. Ma gli esperti sono comunque unanimi nel sostenere che la maggior parte della gente non corre, cammina o sta in piedi, abbastanza da riuscire a contrastare il danno derivante dallo star seduti nove o dieci ore al giorno.

In questo caso il design ci viene in aiuto. Sono sempre di più le aziende produttrici del settore che investono in soluzioni che permettono di migliorare la postura e fare molti più movimenti mentre si è seduti alla scrivania. Ad esempio:

davide boni personal trainerLocus Seat 

Questo sgabello ti propone una posizione “in bilico”, a metà tra in piedi e seduti. Il corpo stà diritto con minor pressione sulla schiena, le anche sono aperte e la seduta è riposante perché sostiene adeguatamente la parte bassa della schiena.

 

 

davide boni personal trainer

HAG Capisco Chair

Sedia da lavoro in plastica regolabile in altezza, permette alle gambe di penzolare consentendo un’angolazione più naturale delle anche. La seduta si muove in tutte le direzioni permettendo di fare del movimento anche da seduti.

 

 

 

Davide Boni personal trainerErgotron WorkFit

Può essere posizionato sopra la scrivania. Regge il monitor e la tastiera che possono essere spostati manualmente più in alto o in basso, permettendo quindi di lavorare da seduto oppure da in piedi.

 

 

 

davide boni personal trainerWellness Ball™ Active Sitting

Stare seduti su una stability ball stimola il movimento nell’ambito del core, stimolando il lavoro dei muscoli addominali. Ti permette di assumere una postura sempre corretta, evitando di farti mantenere per molte ore una postura scorretta.

 

 

Capisco che non sempre sia semplice reperire una di queste sedute da utilizzare sul posto di lavoro. Anche perché spesso d pende dal “capo”, diciamo dall’azienda che dovrebbe investire in questo ambito. Allora ecco alcuni consigli pratici per organizzare al meglio la tua attuale postazione di lavoro.

  • Posizionare scatole o libri sotto lo schermo e la tastiera.
  • Posizionarsi su uno sgabello alto.
  • Per migliorare la posizione ergonomica la tastiera dovrebbe essere posizionata all’altezza dei gomiti e lo schermo all’altezza degli occhi.
  • Mettere un poggiapiedi sotto la scrivania, in modo da cambiare posizione dei piedi (soprattutto quando si lavora in piedi).

Ma soprattutto…muoviti!!!

  1. Vai con la sveglia : imposta la sveglia sul computer o sul cellulare perché ti avverta di alzarti ogni 30 minuti.
  2. Cammina e parla : poniti un obiettivo giornaliero, come fare 5.000 passi al giorno (non di corsa).
  3. Cogli l’attimo : sfrutta ogni occasione per passare da un ufficio all’altro o da una stanza all’altra mentre sei a casa.
  4. Sfrutta il telefono : rispondi al telefono stando in piedi oppure cammina mentre parli.

Mentre per i più spericolati ecco una soluzione alternativa…una scrivania con Tapis Roulant incorporato! :-)

davide boni personal trainer

Ci sentiamo presto e Buon Allenamento!

Davide Boni.

P.s. : il modo migliore per contrastare la sedentarietà ed evitare tutti questi spiacevoli inconvenienti di salute è muoversi! Ecco allora alcuni dei mi Programmi di allenamento Multimediali 

KIT DEL DIMAGRIMENTO

GLUTEI SODI

PANCIA PIATTA

ALLENARSI CON IL CARDIO FREQUENZIMETRO

 

Related Posts

Tag

Comments

There are no comments on this entry.

Trackbacks

There are no trackbacks on this entry.

Add a Comment

Required

Required

Optional