Skip to content

L’allenamento…rende più intelligenti!

luglio 8, 2013 - ALLENAMENTO, BENESSERE, MOTIVAZIONE

allenamento davide boni personal trainer

Davvero non sto scherzando e poi non sono mica io a dirlo! :-)

La scorsa settimana mentre mi spostavo in macchina per andare ad allenare un clinte, oltre a parlare da solo come sono solito fare :-) , stavo ascoltando la radio e sento questo notizia : “L’attività fisica svolta in modo regolare produce molti benèfici effetti sulla psiche, non solo ma  le persone che praticano sport riescono ad essere allo stesso tempo più attivi cerebralmente e più rilassati“.

Cavolo, questa notizia devo assolutamente condividerla con le persone del mio Blog. Sapevo che l’allenamento fosse un’ottimo antistress in grado di apportare molteplici benefici a livello psicofisico, ma addirittura che ti rendesse più intelligenti e attivi dal punto cerebrale, proprio non lo sapevo. Così appena rientrato in studio mi sono messo a fare una piccola ricerca sull’argomento tramite internet ed ho trovato questo interessante articolo, che oggi voglio condividere con te!

Lo sport attiva il nostro cervello e lo rallenta allo stesso tempo: ci permette di essere più reattivi, ma anche più calmi. Uno studio spiega come sia possibile e chiarisce che sportivi e sedentari hanno cervelli diversi!

Il movimento fisico – passeggiare, fare sport, allungare i muscoli – porta diversi vantaggi, anche in dosi minime. Come hanno mostrato diversi studi – uno in particolare condotto recentemente alla Princeton University e pubblicato sul Journal of Neuroscience – muoversi genera nuove cellule cerebrali. Si tratta di cellule facilmente eccitabili, perfette per migliorare la memoria e il pensiero: per questo, il movimento aiuta lo studio e la concentrazione. Eppure, numerosi altri studi hanno anche dimostrato che il movimento porta calma e relax nelle stesse parti del cervello. Come è possibile?

allenamento davide boni personal trainer

L’effetto dello sport sul cervello
I ricercatori di Princeton si sono soffermati proprio su questa apparente contraddizione e hanno condotto alcuni studi sui topi: alcuni potevano usare liberamente una ruota per fare esercizio, altri se ne stavano a riposo. Una speciale sostanza colorava nei loro cervelli la nascita di cellule nuove. Dopo sei settimane, si è stimato il livello di stress degli animali. Gli “sportivi” tendevano di più ad esplorare e a passare tempo all’aria aperta, avendone la possibilità, mentre i sedentari tendevano a mostrare più paura e ansia di inoltrarsi in luoghi prima inesplorati. Inoltre, i primi avevano molti neuroni nuovi, e molto attivi, al contrario del secondo gruppo.
Allo stesso tempo tuttavia, i cervelli dei topi fisicamente attivi avevano anche un notevole numero di neuroni capaci di rilasciare il neurotrasmettitore Gaba, che inibisce l’attività cerebrale, calmando l’eccessivo eccitamento. Questi neuroni si concentravano nell’area dell’ippocampo destinata alle emozioni. Ma a cosa servono?
Gli studiosi hanno quindi posto tutti i topi per cinque minuti in acqua fredda: una situazione spiacevole e stressante. Le risposte dei loro cervelli si sono divise ancora una volta in base alla “sportività”: se tutti manifestavano una notevole eccitazione cerebrale, i cervelli del primo gruppo sono riusciti velocemente a gestire la paura e l’ansia, e l’effetto dello stress non è durato a lungo. I loro cervelli hanno infatti attivato anche numerosi neuroni “calmanti”, quelli in grado di rilasciare Gaba, e hanno quindi subito rimediato all’eccessiva ansia: al contrario dei topi sedentari, a lungo preda dell’ansia causata dal bagno freddo.

L’ippocampo si modifica negli sportivi
Insomma, l’ippocampo di chi era allenato è molto diverso da quello degli animali sedentari”, ha commentato al New York Times Elizabeth Gould, tra gli autori dello studio. “Non solo si notano neuroni più attivi e un maggior numero di sinapsi, ma crescono anche i neuroni ‘inibitori’, che rallentano il processo cerebrale quando si fa eccessivo”. Gli sportivi quindi, riescono ad essere allo stesso tempo più attivi cerebralmente e più rilassati.

È importante notare che l’effetto benefico dello sport vale a lungo termine. “La ruota per esercitarsi è stata bloccata 24 ore prima il bagno freddo: i topi sportivi non hanno potuto trarre giovamento da nuovo esercizio fisico ma quello già fatto si è rivelato più che sufficiente. Le differenze nelle loro reazioni sono dipese unicamente da una conformazione cerebrale che era già diversa”. Se certamente uomini e topi non hanno lo stesso cervello, altri studi condotti sulle persone avevano già mostrato che l’esercizio annienta lo stress, anche se non era chiaro come si attivassero i diversi neuroni. “Questa nuova ricerca ci dice che è proprio la composizione delle cellule del cervello a cambiare, a seconda di chi fa sport oppure no”.

Insomma, questo mi sembra proprio l’ennemismo punto a favore dell’attività fisica. Un’altro buon motivo per iniziazre ad allenarti oltre al solito Dimagrire, Tonificare o scaricare lo stress e visto che tentare non nuoce, se poi alla fine non diventerai un “Premio Nobel”, comunque avrai certamente tratto beneficio sotto tanti altri punti di vista, sia fisico che mentale! :-)

Ci sentiamo presto e Buon Allenamento!

Davide Boni.

P.S.: se per caso l’articolo di oggi non ti fosse bastato per farti venire una volgia incredibile di iniziare ad allenarti seriamente con costanza, prova ad allenarti con uno dei miei Programmi di allenamento Multimediali:

KIT DEL DIMAGRIMENTO

GLUTEI SODI

PANCIA PIATTA

Related Posts

Tag

Comments

There are no comments on this entry.

Trackbacks

There are no trackbacks on this entry.

Add a Comment

Required

Required

Optional