Skip to content

Giovani…anziani crescono!

marzo 10, 2014 - ALLENAMENTO, BENESSERE, DIETA, MOTIVAZIONE

davide boni personal trainer

Cavolo Davide, domani compio 58 anni! E’ normale che mi faccia male la schiena e che quando faccio sport mi dia fastidio il ginocchio…non sono mica più giovane. Quando avevo 30 anni era diversa. Te ne accorgerai!

Questo è quello che mi ha detto l’altra sera un mio cliente. La cosa mi ha fatto pensare. Ho fatto una piccola ricerca ed ho travato delle informazioni molto interessanti che oggi voglio condividere con te.

Forse sarà perchè i tempi “moderni” sono cambiati o perchè le cose cambiano molto più velocemente, come si sente dire in giro ogni tanto. Ma fatto sta che praticamente a 50 anni uno viene considerato vecchio. O meglio, viene presa ormai come una cosa assolutamente normale, direi quasi naturale, che dai 40 in poi (in certi casi anche molto prima) soffrire di dolori articolari o avere piccoli problemi di salute sia fisiologico. Ma è davvero così oppure c’è qualcosa che non va in noi???

Io una risposta me la sono, ma prima dirti cosa ne penso, voglio condividere con te una cosa…

Gli Hunza è una popolazione che risiede ai piedi della catena dell’Himalaya, in una piccola valle del Pakistan, al confine con la Cina, ritenuto il più longevo al mondo. Sono di razza bianca e non gialla, come le popolazioni vicine, parlano una lingua sconosciuta e sono immuni a qualsiasi malattia.

Un medico scozzese, Mec Carrison,  che andò alla ricerca di questa popolazione per poter scoprire il loro segreto di lunga vita; studiando per anni gli Hunza, constatò la perfetta salute di questo popolo, oltre all’eccezionale forma fisica e la loro capacità di lavorare senza stancarsi.

Emerse che la popolazione degli Hunza, non si ammala mai, tranne rari attacchi di febbre, arrivava a 120 e anche 140 anni, la cui morte poi arrivava dolcemente senza malattie.

Gli uomini hanno figli oltre i 70 anni, e capita di vedere ultracentenari che lavorano i campi; la capacità di tutta la popolazione di sopportare gli sforzi lavorativi è sorprendente, in montagna sono corridori e portatori instancabili, arrivano a fare 230 kilometri al giorno senza dare segni di apparente stanchezza.

Ma la cosa più sorprendente è, che il loro vero segreto è il rapporto con l’alimentazione, con l’ambiente e con se stessi, amore e rispetto, assicurano a questo popolo un equilibrio fisico e morale e longevità.

La loro alimentazione è prevalentemente costituita da miglio, orzo, grano saraceno, frutta, come albicocche, ciliegie, more, pesche, pere e melograni, pane integrale, germe di grano, germogli di piselli, noci, legumi lessati, formaggi solo freschi o fermentati, poca carne, sale limitato, verdure come cavoli, spinaci, rape, pomodori.

Hanno rifiutato qualsiasi tipo di alimenti industriali, ancora oggi infatti, si nutrono dei prodotti che coltivano.

Quello che più affascina di questo popolo è la loro predisposizione naturale al sorriso, infatti sono molto gioviali, d’umore costante, anche quando hanno problemi di poco cibo e di freddo.

Non sono mai arrabbiati, non sono attaccati dall’ansia, e dall’impazienza,  ma la contrario, sono sempre  sereni, e forse il loro segreto sta proprio nella loro inconsapevole felicità.

Chi non vorrebbe vivere così a lungo? Nessuno, assolutamente nessuno vorrebbe vivere così a lungo perchè per noi molto spesso l’invecchiamento è sinonimo di malattia, dolore e sofferenza. “Preferisco morire prima e godermi la vita piuttosto che vivere gli aultimi anni della mia vita in condizioni fisiche e mentali…ma il problema è proprio questo secondo me!

Alzi la mano chi di voi è perfettamente in salute? Chi non ha nessuno fastidio o dolore fisico? Chi non è stressato?

Su 100 persone forse a queste domande, un paio di persone alzerebbero la mano! Si perchè ormai è la normalita…è la vita! Infatti e proprio così. E’ il nostro stile di vita la causa della stragrande maggioranza dei nostri problemi fisici e di salute!

Vivere come il popolo degli Hunza per noi ormai è impossibile e ti capisco perchè ci sono dentro anch’io in questo “meccanismo” infernale, ma puoi comunque aiutarti in qualche modo e ridurre al minimo gli effetti collaterali della vita!

Mangiare come gli Hunza solo i prodotti che la natura ci offre è un pò complicato per noi, è più facile andare a fare la spesa al supermercato o prenotare la cena al ristorante. Ma in questo caso basta darsi alcune regole ed avere un pò più di attenzione alla qualità di ciò che compriamo e quindi mangiamo. Mangiare in modo sano ed equilibrato è più facile di quello che sembra. La gamma degli alimenti è sempre più ampia e nessuno ti obbliga a mangiare una cosa piuttosto che un’altra, dipende solo da te!

A tal proposito un consiglio…mai andare a fare la spesa quando si ha fame, il rischio di riempire il carrello di “schifezze” è altissimo! :-)

Non puoi nemmeno permetterti il lusso di vivere in mezzo ad una foresta, svegliarti la mattina e metterti ad arare i campi a mano e prenderti cura del bestiame. La maggior parte dei lavori ti costringe a stare seduto o comunque a lavorare in piedi per 8 ore al chiuso davanti ad una macchina. Allora in questo caso puoi compensare con l’attività fisica. 2 ore di tempo da dedicare a te stesso su 168 ore settimanali che hai disposizione le devi assolutamente trovare. Non ci sono scuse che tengano. Se trovi il tempo per fare tutto il resto, non capisco perchè non debba trovare il tempo anche per allenarti!

davide boni personal trainer

Non puoi immaginare quante volte mi sento dire dai miei clienti “Guarda Davide, se non avessi avuto l’appuntamento con te, oggi non mi sarei mai allenato!”

Sappi che la giornata dura 24 ore per tutti. Anche per quelli che si allenano 3 o 4 volte alla settimana e non pensare che queste persone sia dei nulla facenti. Non sei l’unico a lavorare 10 / 12 ore al giorno e non sei nemmeno l’unico ad avere dei problemi o ad essere così stressato. Quindi smettila di lamentarti e fai qualcosa per te stesso!

La cosa però secondo me ancora più allarmante e assurda è che ormai si sente dire anche che i bambini sono stressati. Un bambino stressato? Come cavolo è possibile? Ragazzi di 15 o 16 anni con problemi posturali ed articoli, sintomi che solitamente si palesano in età ben più adulta. Non ti sembra strano anche a te? Il problema è che ormai accettiamo tutto. Mal che vada se mi viene il mal di schiena vado dall’osteopata o dal chiropratico a farmi sbloccare. Come se fosse un tagliando dell’automobile. Ma teoricamente non dovremmo avere tutti questi problemi ma soprattutto anzichè curare solo le conseguenza, dovremmo occuparci per tempo delle cause!

A proposito di allenamento, mi permetto di darti un’altro piccolo consiglio. Spegni il telefono quando ti alleni. E’ vero che Papa Francesco in questo periodo chiama tutti, ma non preoccuparti nel caso ti lascerà un messaggio in segreteria! :-) Non lasciare che qualcuno interrompa l’unico momento che ti sei preso per te stesso!

Lo stress il popolo degli Hunza non sanno nemmeno cosa sia. Ce lo siamo creati noi con le nostre mani. Siamo convinti che l’uomo sia l’essere più intelligente sulla faccia della terra, ma ne siamo così certi? Guarda cosa abbiamo creato. Tutto questo ci fa stare meglio o peggio?

A te la risposta…e ricordati che tu hai la possibilità in qualsiasi momento, prendendoti cura di stesso, di ottenere benessere fisico e mentale! Non è mai troppo tardi per iniziare a farlo! :-)

Se vuoi approfondire l’argomento o semplicemente vuoi condividere il tuo pensiero, non esitare a lasciarmi un commento, sarò felice di risponderti!

Ci sentiamo presto e Buon Allenamento!

Davide Boni.

 

Related Posts

Tag

Comments

There are no comments on this entry.

Trackbacks

There are no trackbacks on this entry.

Add a Comment

Required

Required

Optional