Skip to content

Benefici Attività Fisica e Colesterolo !!!

giugno 4, 2018 - ALLENAMENTO, BENESSERE, DIETA, DIMAGRIMENTO

E’ uno dei “parametri” più temuti da tutti ed è il primo fattore di rischio per le patologie cardiovascolari. Oltre il 50% della popolazione ne soffre…parliamo del colesterolo!

La regola numero uno per essere in grado di sconfiggere il nemico, è quella di conoscere prima di tutto i suoi punti deboli!

Uno dei nemici pubblici numero uno per la salute dell’essere umano è sicuramente il colesterolo alto. Le cause più frequenti che determinano valori alti possono essere la genetica, la così detta “familiarità”. In generale uno stile di vita scorretto. Cattiva alimentazione (ricca di grassi saturi, zuccheri e sale) e l’inattività. Così come anche una scorretta funzionalità del fegato (organo deputato alla sintesi di colesterolo e trigliceridi).

Il colesterolo è un grasso, indispensabile per molte funzioni del nostro organismo, che viene prodotto dall’organismo stesso. In modo particolare dal fegato. Come tutti i grassi, non si scioglie nel sangue e per poter essere trasferito dal fegato agli organi periferici, deve essere quindi trasportato da speciali strutture dette “lipoproteine”. Le lipoproteine più conosciute sono le HDL (il cosiddetto “colesterolo buono”) e le LDL (il cosiddetto “colesterolo cattivo”). Queste due formano il colesterolo totale.

Il problema sorge nel momento in cui il colesterolo cattivo LDL risulta essere in eccesso, tendendo poi a depositarsi nelle pareti delle arterie, facilitando la formazione delle cosiddette “placche” che limitano il passaggio del sangue e in alcuni casi addirittura lo bloccano del tutto.

La cattiva notizia è che spesso valori alti di colesterolo LDL sono una delle principali cause di malattie cardiovascolari.
La buona notizia invece è che più sarà alto il valore del colesterolo buono HDL e tanto minore sarà il rischio dell’insorgere di mallatie cardiovascolari.

La notizia ancora più buona è che con uno stile di vita sano, cioè corretta alimentazione e attività fisica regolare, si può agire su entrambi questi valori. Andando ad invertire il trend negativo in positivo, in termini di salute!

SOLUZIONE

L’attività aerobica regolare aumenta i livelli di colesterolo HDL e favorisce la perdita di peso, un fattore che incide tantissimo sulla tua salute e sulle percentuali di colesterolo. Parliamo di un attività fisica di media/bassa intensità, come ad esempio la corsa, la bici e il nuoto, che si aggira attorno al 60% – 70% della tua frequenza cardiaca massima. Della durata di almeno 30 minuti, da svolgere in modo regolare tutti i giorni o almeno 3/4 volte a settimana. A questa tipologia di allenamento è possibile anche alternare dei mini-circuiti, sempre della durata di 20/30 minuti, durante i quali si alternano fasi cardio come ad esempio la camminata, ad esercizi di tonificazione total body a corpo libero o con l’ausilio di elastici!

Dal punto di vista alimentare invece è bene limitare, se non addirittura evitare, l’assunzione di grassi saturi come ad esempio i latticini, in modo particolare latte intero, i formaggi stagionati, la panna e il burro. La carne, gli insaccati ed i super alcolici.
Prediligendo invece un’ alimentazione ricca di grassi insaturi e polinsaturi (oli vegetali) come gli omega 3, omega 6 e omega 9, contenuti nel pesce, nella frutta secca e nell’olio extra vergine. E’ bene anche curare l’apporto di vitamine e sostanze antiossidanti che proteggono le arterie dalla possibile formazione di ostruzioni. In generale quindi gli alimenti “alleati”, sono pesce, legumi, cereali integrali, frutta e verdura!

Quindi le soluzioni per abbassare il livelli di colesterolo cattivo, alzare quelli del colesterolo buono ed essere così in salute, sono davvero alla portata di tutti. Questo processo, che come vedi non richiede l’assunzione di farmaci, richiede tempo. Non pensare che bastino poche settimane per rimettere tutto in ordine. Il tuo organismo ha bisogno di tempo per metabolizzare gli stimoli, rispondere e migliorare. In termini di tempo, il mio consiglio è quello di aspettare circa 5/6 mesi, prima di effettuare delle nuove analisi per rilevare dei miglioramenti concreti e visibili!

Ci sentiamo presto e Buon Allenamento!

Davide Boni.

Related Posts

Tag

Comments

There are no comments on this entry.

Trackbacks

There are no trackbacks on this entry.

Add a Comment

Required

Required

Optional