Skip to content

Ascolta il tuo secondo “cervello”…l’intestino !!!

aprile 24, 2017 - BENESSERE, DIETA

In natura nulla succede mai per caso e lo stesso vale quando parliamo della nostra salute. Ad ogni azione, buona o cattiva, alla quale sottoponiamo il nostro organismo…esiste una specifica reazione!

Si dice che abbiamo due cervelli. Uno superiore (quello che tutti conoscono) ed uno inferiore, il tuo intestino. Che pochi conoscono o per lo meno prendono in considerazione, ma la tua pancia agisce e ricorda più della testa stessa! Riceve, trasmette segnali e stimoli reagendo ad ogni tipo di agente esterno, sensazione, stato d’animo, emozione e stress…proprio come la tua testa!

Nel tuo intestino si trova un vero e proprio secondo cervello. Sulla mucosa intestinale è presente un complesso sistema immunitario capace di “dialogare” con le cellule di tutto l’organismo e questo significa che la tua salute dipende in gran parte dal benessere del tuo intestino!

La flora batterica intestinale (microbiota) è composta principalmente da microrganismi di origine batterica, ma anche non batterica(lieviti), che in condizioni di equilibrio, vivono in simbiosi con il nostro organismo intervenendo correttamente in numerosi processi fisiologici!

Quello che mangi ogni giorno, quindi la tua nutrizione, influenza il tuo stato d’animo e mentale in una proporzione addirittura del 90%! 

Sono molteplici gli studi che lo dimostrano e l’esperto di anatomia e biologia cellulare della Columbia University autore del best seller “Il Secondo Cervello”  Michael D. Gershon dice “Basti pensare che l’intestino, pur avendo solo un decimo dei neuroni del cervello, lavora in modo autonomo, aiuta a fissare i ricordi legati alle emozioni e ha un ruolo fondamentale nel segnalare gioia e dolore. Insomma, l’intestino è la sede di un secondo cervello vero e proprio. E non a caso le cellule dell’intestino – spiega l’esperto americano ‐ producono il 95% della serotonina, il neurotrasmettitore del benessere

Cavolo…se ci pensi è davvero impressionante! E pensare che spesso noi (presi dai ritmi frenetici della vita) ingeriamo cose a “caso”. Delle quali non conosciamo nemmeno la provenienza. Senza preoccuparci degli effetti. Però il tempo per andare dal parrucchiere, lo troviamo sempre…non vorrai mica andare in giro con i capelli troppo lunghi o con la tinta scolorita? O forse sarebbe meglio prendersi cura del proprio intestino?

Michael D. Gershon dice anche “Quanti hanno sperimentato la sensazione delle “farfalle nello stomaco” durante una conversazione stressante o un esame?. E’ solo un esempio delle emozioni della pancia, come nausea, paura, ma anche dolore e angoscia. Il sistema nervoso enterico comunica con quello centrale. E quando l’intestino soffre, ad esempio per la sindrome del colon irritabile, la persona ne risente anche a livello psichico.

Quante volte ti è capitato di avvertire senso di gonfiore e tensione addominale, pesantezza, nausea, difficoltà digestive, attività intestinale irregolare? Stress, scorretta alimentazione, uso prolungato di farmaci possono provocare alterazioni nella flora intestinale, causando tutti questi problemi! Spesso una condizione di squilibrio a livello intestinale può compromettere anche le funzioni di altri organi (muscoli, reni, pelle, fegato, reni, articolazioni) e così capita che alcuni sintomi sia fisici che psicologici, pur non immediatamente correlabili all’intestino, come candidosi, intolleranze alimentari, cefalea, mal di testa, insonnia, dolori articolari, in realtà spesso dipendono proprio da esso!

Se mangimo alimenti che favoriscono lo sviluppo delle specie a noi più utili, senza alcun dubbio avremo una flora microbica che ci terrà magri, ci proteggerà da infezioni indesiderate, detossificherà i nostri cibi, favorirà una corretta assimilazione di principi nutritivi e stimolerà correttamente il nostro sistema immunitario. Se al contrario ci nutriremo ripetutamente di pseudo-alimenti privi di fibra, raffinati, conservanti, morti, additivi di ogni genere di sostanza innaturale, il nostro microbiota si altererà, favorendo quei microorganismi idonei ai cibi spazzatura!

Quali sono dunque i probiotici?

I probiotici che maggiormente favoriscono un flora microbica utile sono inulina e fruttoligosaccaridi (FOS), cioè sostanze poco o nulla digeribili per noi umani, ma estremamente appetite proprio dalla flora microbica a noi più utile…i FOS e l’inulina si trovano in molti frutti e verdure (e incredibilmente anche nel latte materno), ma in particolare nei topinambour, nei gambi di carciofo e in diverse parti dure che spesso scartiamo, di alcune verdure. Le fibre indigeribili si trovano nei legumi (piselli, fagioli, ceci, lenticchie), nei semi oleosi (noci, nocciole, mandorle, lino, sesamo, ecc.) e nei cereali davvero integrali (non nelle farine finto-integrali dei prodotti industriali), oltre che nelle parti più dure (gambi, bucce, semi) di frutta e verdura. Altri segnalano come particolarmente importanti l’uso di aglio, cipolla, porri, carciofi, asparagi e verze…

Inoltre devi sapere che i neuroni sparsi nel corpo (quindi anche quelli della pancia) possono essere “massaggiati”, sia con il vero massaggio che stimola i corpuscoli tattili, sia con il movimento (attività fisica) e con il respiro addominale.

Ci sentiamo presto e Buon Allenamento!

Davide boni.

Related Posts

Tag

Comments

There are no comments on this entry.

Trackbacks

There are no trackbacks on this entry.

Add a Comment

Required

Required

Optional